Fatte salve le prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali, e comunque nel rispetto delle altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell’attività edilizia e, in particolare, delle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienicosanitarie, di quelle relative all’efficienza energetica nonché delle disposizioni contenute nel codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, i seguenti interventi sono eseguiti senza alcun titolo abilitativo:

MANUTENZIONE ORDINARIA

rientrano in tale fattispecie le seguenti opere: 

  • ripassamento (riordino) e coibentazione del manto di copertura ,  anche con sostituzione di parti deteriorate della piccola orditura del tetto;
  • riparazione e sostituzione parziale dell’orditura secondaria del tetto , con mantenimento dei caratteri originari;
  • riparazione e sostituzione di comignoli, grondaie, pluviali e faldali, anche con utilizzo di materiali diversi (rame, acciaio, ecc.);
  • riparazione o rifacimento di manti impermeabili, senza modifiche estetiche;
  • pulitura, ripristino parziale della tinteggiatura, di intonaci e di rivestimenti;
  • riparazione e ripristino infissi e ringhiere
  • sostituzione infissi e serramenti esterni, portoni, cancelli, vetrine di negozi, balaustrate e ringhiere con elementi in tutto identici agli esistenti; ammessi anche serramenti con materiali diversi (conformi alla prescrizioni del PRGI) purchè con medesimo disegno;
  • tinteggiatura facciata verso cortili chiusi interni;
  • rappezzi e ancoraggi parti pericolanti facciata;
  • riparazione e rifacimento pavimentazioni esterne (terrazzi, cortili), purché siano usati materiali con le stesse caratteristiche e colori dei preesistenti; in particolare vanno mantenuti i disegni delle pavimentazioni dei cortili con acciottolati e lastre di pietra;
  • riparazione e rifacimento pavimentazioni interne;
  • posa o sostituzione controsoffittature leggere ed isolanti termoacustici;
  • realizzazione o rifacimento impianti tecnologici,  in locali già aventi apposita destinazione, senza modificarne  la superficie e le aperture;
  • installazione di tende o tendoni a parete o con ancoraggio a terra non permanente al servizio di unita' immobiliari a destinazione abitativa;

ELIMINAZIONE DI BARRIERE ARCHITETTONICHE

che non comportino la realizzazione di rampe o di ascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino la sagoma dell’edificio; 

OPERE TEMPORANEE PER ATTIVITA' DI RICERCA NEL SOTTOSUOLO

che abbiano carattere geognostico, ad esclusione di attività di ricerca di idrocarburi, e che siano eseguite in aree esterne al centro edificato;

MOVIMENTI DI TERRA

strettamente pertinenti all’esercizio dell’attività agricola

PRATICHE AGRO-SILVO-PASTORALI

compresi gli interventi su impianti idraulici agrari;

SERRE MOBILI STAGIONALI

sprovviste di strutture in muratura o comunque di pareti e coperture vetrate e da struttura in legno o metallo aventi funzione portante, funzionali allo svolgimento dell’attività agricola. 

INSTALLAZIONE DI DEPOSITI DI GAS DI PETROLIO LIQUEFATTI (GPL)

di capacita' complessiva non superiore a 13 mc.